tempioA marzo, sono entrate a far parte del Global Compact Network Italia cinque nuove aziende con un profilo di CSR/sostenibilità già caratterizzato da obiettivi specifici correlati al proprio settore di attività: BNL Gruppo BNP Paribas (con lo status di “Membro Fondatore”), poi Autogrill Group, Ledvance SpA, San Servolo Servizi Metropolitani di Venezia, Tridente Immobiliare (con lo status di “Partecipanti”).

Ad eccezione di BNL (presente da anni nel Global Compact delle Nazioni Unite), per le altre aziende  soprammenzionate l’adesione alla Fondazione Global Compact Network Italia rappresenta l’avvio di un processo di avvicinamento e progressivo coinvolgimento rispetto all’iniziativa onusiana per la sostenibilità d’impresa ed ai suoi Dieci Principi su diritti umani, lavoro, ambiente,  anti-corruzione.

Cresce, quindi, il numero delle grandi aziende presenti nel Network (56% sul totale degli aderenti), ma anche quello delle Piccole e Medie (20%).

BNL è il quarto gruppo bancario ad aderire alla Fondazione (Cariparma, Intesa Sanpaolo ed UniCredit sono già presenti nel Network), a conferma dell’importante impegno da parte del settore finanziario italiano sui temi dello sviluppo sostenibile.

“Nel 2017, la Fondazione GCNI lavorerà intensamente per incentivare e supportare l’impegno del settore business italiano rispetto ai Dieci Principi del Global Compact ed ai Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite. Con le recenti adesioni alla Fondazione, i confini del Network si allargano ed entrano in gioco soggetti con ruoli strategici e di rilievo sia al livello di settore d’attività che territoriale. Alla luce di ciò, siamo ancor più motivati a lavorare insieme ai nostri aderenti profit e no-profit per implementare al livello locale, gli obiettivi di sviluppo sostenibile condivisi al livello globale”. (Alessia Sabbatino, Segretario Generale, Fondazione Global Compact Network Italia).

LA VOCE DEI NUOVI ADERENTI


BNL GRUPPO BNP PARIBAS


il network italiano del global compact cresce con l adesione di cinque nuove aziende BNL“Aderiamo da molti anni al Global Compact come BNL e come  Gruppo BNP Paribas di cui siamo  parte, impegnandoci a promuoverne e rispettarne i principi. Abbiamo deciso di aderire al Network italiano del Global Compact  per massimizzare il nostro contributo  locale, continuando a promuovere il rispetto dei diritti umani in ogni ambito d’attività e favorire le pari opportunità, accompagnando con una finanza inclusiva individui, famiglie e imprese nei loro progetti di vita e sostenendo le migliori pratiche ambientali attraverso le nostre scelte di finanziamento e investimento. In questo possiamo  anche portare l’esperienza del grande gruppo internazionale che rappresentiamo." (Claudia Schininà, CSR Officer, BNL Spa)

AUTOGRILL
il network italiano del global compact cresce con l adesione di cinque nuove aziende Autogrill"Ormai da oltre un decennio Autogrill ha intrapreso un percorso che si pone come obiettivo prioritario quello di creare valore sia per l’azienda che per tutti i suoi stakeholder: dai dipendenti ai clienti, senza dimenticare fornitori, concedenti, business partner e azionisti. E’ per questo che nel 2007 abbiamo lanciato il programma Afuture che ha portato alla definizione di un vera e propria strategia di sostenibilità attraverso una Roadmap di obiettivi in tre diversi ambiti: People, Product e Planet. Alla base del successo di Afuture ci sono due fattori: la capacità di innovare costantemente e l’abilità di costruire partnership con le imprese più all’avanguardia nel settore e le istituzioni più prestigiose a livello internazionale." (Silvio de Girolamo, Group Chief CSR & Internal Audit Officer, AUTOGRILL GROUP)

LEDVANCE
il network italiano del global compact cresce con l adesione di cinque nuove aziende Ledvance“La decisione di aderire alla Fondazione Global Compact Network Italia è stata assunta nel solco della continuità di quanto già realizzato negli anni scorsi come OSRAM, gruppo dalla cui scissione è scaturita la nuova società LEDVANCE.
Riteniamo che i nostri valori aziendali declinati in “BREAKING NEW GROUND”,  “WINNING TOGETHER” e “STRIVING FOR EXCELLENCE” trovino perfetta aderenza con i principi della Fondazione.”  (Francesco Cipriani, Head of Human Resources & SWE Compliance Officer, LEDVANCE SpA)

SAN SERVOLO SERVIZI METROPOLITANI DI VENEZIA
il network italiano del global compact cresce con l adesione di cinque nuove aziende SanServolo“Riteniamo fondamentale fare rete con aziende impegnate sui temi della Responsabilità d’Impresa e per i Global Goals 2030 delle Nazioni Unite. Attraverso il confronto con la Fondazione Global Compact Network Italia, vogliamo implementare lo sviluppo delle policy societarie legate ai temi ambientali e sociali, condividere best practice per affrontare le sfide comuni sulla sostenibilità intesa come processo continuo orientato alla messa a sistema delle tre dimensioni dello sviluppo: Ambientale, Economica e Sociale. Con il supporto della Fondazione, contiamo di avviare un “check up” della società per conoscere i livelli di sostenibilità e partecipazione presenti al suo interno e quelli percepiti all’esterno dagli stakeholder; costruire insieme un percorso orientato alla pubblicazione di un manifesto dei valori ai quali l’Azienda si ispira nelle sue scelte; adottare misure di welfare complementare a favore di lavoratori e del contesto territoriale”. (Andrea Berro, Amministratore Unico, SAN SERVOLO Srl)

TRIDENTE IMMOBILIARE
il network italiano del global compact cresce con l adesione di cinque nuove aziende Tridente“Siamo convinti che la crescita della nostra azienda come della società in cui viviamo sia possibile solo con uno sviluppo sostenibile che garantisca uno sviluppo economico, tecnologico e sociale in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere quelli delle generazioni future. E’ nostro obiettivo, infatti, curare gli interessi economici dei nostri azionisti, ma anche rendere conto delle nostre scelte ad altri portatori di interessi  come i consumatori stessi, i lavoratori, i subfornitori e tutti coloro che cooperano con noi. Per questo motivo miriamo a coniugare competitività e sostenibilità, nel contesto della nostra crescita e innovazione, ponendo sempre attenzione alla promozione della qualità della vita, degli standard di lavoro, dei diritti umani e dello sviluppo eco-compatibile. Rifacendoci anche ai decreti in vigore in tale materia, miriamo a condurre le trattative aziendali  sulla base dei valori di efficienza, correttezza e lealtà, in ogni processo del lavoro quotidiano, sia nei confronti dei nostri clienti che dei nostri operatori. Per questo abbiamo deciso di aderire alla Fondazione, in quanto abbracciamo a pieno i Principi del Global Compact delle Nazioni Unite” (Sergio Vaccaro, CEO, TRIDENTE IMMOBILIARE Srl)

Condividi
Calendario
12 Lug 2017

Il prossimo 12 luglio si terrà a Milano presso Fondazione Eni Enrico Mattei, Corso Magenta 63, il secondo appuntamento del ciclo di "Business & SDGs Workshops" promosso dalla Fondazione Global Compact Network Italia nell'ambito del programma attività 2017 come iniziative a supporto dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. L'incontro è organizzato in collaborazione con Fondazione Eni Enrico Mattei e Fondazione Sodalitas.

Per perseguire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, l’Agenda 2030 pone una sfida imprescindibile: “intensificare le collaborazioni plurilaterali che sviluppano e condividono la conoscenza, le competenze, le risorse tecnologiche e finanziarie” (SDG 17) in una logica di collective action. Solo attraverso una stretta collaborazione tra diversi soggetti che si impegnano volontariamente e reciprocamente in relazioni innovative per perseguire obiettivi condivisiè possibile intraprendere un percorso di crescita inclusiva e sostenibile.

Le partnership multistakeholder si sono rivelate essere uno strumento strategico ed essenziale per rafforzare il contributo delle imprese allo sviluppo sostenibile. Mettendo a fattor comune risorse e competenze esse hanno dato vita a progetti, azioni e esperienze di grande valore per le persone e i bisogni che ci si pone l’obiettivo di tutelare e promuovere.
Il trend in atto vede un progressivo spostamento da forme più “elementari” di collaborazione - erogazioni liberali e sponsorizzazioni, nella maggioranza dei casi focalizzate su progetti specifici – a forme di vera e proprio co-creazione, intesa come modalità di ideazione, design e sperimentazione di idee, di iniziative e di servizi tra diversi soggetti economici e sociali, portatori di risorse ed esperienze complementari.
Tale approccio di collaborazione apre da un lato nuove ed enormi opportunità per le imprese, che sono messe nelle condizioni di entrare in contatto con le organizzazioni non profit e con i cittadini comprendendone veramente le esigenze e i bisogni e trasferendo le skill tecniche, manageriali e comunicativecome risorse necessarie per pensare insieme nuove risposte a sfide comuni. Al contempo, il settore privato acquisisce una maggiore capacità di integrazione nel tessuto sociale, di innovazione, di stimoli per la creazione di opportunità all’interno di mercati emergenti e di generazione di benessere e di motivazione sia all’interno sia all’esterno dell’azienda. Dall’altro, le organizzazioni della società civile, portatrici di una profonda conoscenza dei bisogni e delle realtà locali, hanno la possibilità di avere spazi codificati di espressione, accedendo a nuovi network e relazioni e ad occasioni di scalabilità per le attività a più alto impatto.

Si rende così possibile la creazione di azioni collettive che consentono una concreta integrazione tra business e sostenibilità con impatti che, in base alla tipologia di azione, possono avere risvolti a livello locale, nazionale e internazionale.

>> Obiettivi e struttura del Workshop:

•  Introdurre il tema delle partnership come importanti strumenti di implementazione dell’Agenda 2030;
• Condividere e analizzare differenti metodologie di partnership ed esempi di best practice di partnership multistakeholder di successo realizzatesi, nel contesto nazionale ed europeo, a supporto degli SDGs.

Il Workshop, della durata complessiva di 3 ore, sarà aperto da interventi introduttivi che offriranno differenti spunti e riflessioni sul tema. Seguirà una sessione di lavoro e confronto facilitata da esperti.

Quanto emergerà nel corso del Workshop costituirà la base per l’impostazione dei lavori che si realizzeranno nel corso del prossimo “Italian Business & SDGs Annual Forum”. Il Forum si svolgerà a Lucca nelle date del 26-27 settembre 2017 e si pone l’ambizioso obiettivo di identificare azioni collettive da realizzarsi a partire dal 2018 sotto il cappello della Fondazione GCNI.


CONTATTI
dott.ssa Margherita Macellari
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fondatori e Partecipanti

universita ca foscari venezia

sofidel

a2a

Ergo Italia

gse

gruppo generali

enel

a2a

telecom italia

a2a

atlantia

intesa san paolo

cariparma

pentapolis

a2a

Ansaldo

bnl

sodalitas

a2a

bnl

Venice International University

edison

a2a

acea

a2a

a2a

deco industrie

fondazione sviluppo sostenibile

terna

a2a

unicredit

fondazione eni enrico mattei

italcementi

snam rete gas eni

bnl

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.