UNGC

  • UNGC LEADERS SUMMIT 2020
    La Community mondiale dello sviluppo sostenibile approda sul web!

     

    I prossimi 15 e 16 giugno di terrà in modalità virtuale il Leaders Summit 2020 promosso dall’UN Global Compact.

    Una maratona internazionale di 26 ore per approfondire attraverso la voce dei leader dello sviluppo sostenibile lo stato dell’arte e gli scenari futuri della «just transition» verso un mondo equo, inclusivo e sostenibile come quello indicato dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

    Sensibilità speciali, progetti visionari, best practice,risultati: si condividerà questo e tanto altro con l’obiettivo di delineare insieme un approccio innovativo per il futuro della “Decade of Action”.

    » Tutte le aziende, organizzazioni non business e Istituzioni italiane impegnate sullo sviluppo sostenibile sono invitate a partecipare. Per ciascuna di esse, uno o più rappresentanti potranno prendere parte ai lavori.

    » Per tutti gli enti che aderiscono al Global Compact delle Nazioni Unite, la partecipazione è gratuita.

  • Demand for business and human rights education is growing worldwide. Academic institutions are well positioned to prepare future business leaders to manage the human rights impacts of their companies.

    The UN Global Compact in collaboration with the Principles for Responsible Management Education (PRME) are asking companies to sign an open letter calling on academic institutions to integrate business and human rights into their curriculum.

    Learn More »

  • The first meeting of the European Peer Learning Group on Corporate Climate Strategies was held on the 4th and 5th of Junein Berlin. The meeting was organized by the UN Global Compact Local Networks of Germany, France, Spain, Italy, Switzerland and Denmark. The aim was to promote dialogue among companies from different national contexts and foster sharing corporate experiences on the importance of developing corporate climate strategies – as well as setting ambitious climate targets in line with the Paris Agreement’s objective of limiting global warming to +1.5° C.

    4 Italian companies - A2A, Artsana, Ferrovie dello Stato, Snam - already committed to developing a corporate climate strategy attended the meeting. During the event was also explored and discussed the importance for companies of setting Science-Based Targets, aligned with the above-mentioned 1.5 ° C global objective.

    The meeting was highly interactive, with sharing of experiences and working groups. All activities started with the identification of the drivers that push each company to develop a climate strategy: top management commitment, brand credibility and company reputation, stakeholders' expectations and transparency, increase of corporate competitiveness and market opportunities.   

  • I leader mondiali della sostenibilità torneranno a riunirsi a New York il prossimo 21 settembre su iniziativa del Global Compact delle Nazioni Unite.

    In occasione dell’UNGC Leaders Summit 2017, particolare attenzione sarà dedicata al tema delle partnership pubblico-private per il raggiungimento degli Global Goals 2030. Una riflessione condivisa di altissimo livello sulle modalità per garantire un più esteso, significativo ed efficace coinvolgimento di imprese, Istituzioni ed organizzazioni stakeholder nell’azione globale per lo sviluppo sostenibile sarà favorita e sviluppata nell’ambito del Summit.

  • Il Global Compact Leaders Summit, evento organizzato da UNGC per celebrare i vent’anni della fondazione del Global Compact e in programma per il 15 e il 16 giugno a New York è stato riconvertito in modalità online, mentre la celebrazione in persona è stata rimandata al 2021.

    Gli aderenti (business e non business) sono invitati a partecipare alle sessioni online compilando il form apposito.

  • Lo scorso 17 dicembre è stata lanciata, a Milano, la CFO Taskforce costituita di recente dall’UN Global Compact per dare nuovo impulso all’avanzamento dei 17 Global Goals sulla base di un programma di lavoro pluriennale. In altre parole, una nuova forma di collaborazione di altissimo livello per trovare tutte le risorse necessarie per “vincere” le sfide globali indicate dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile.

    Fra i fondatori della Taskforce, ci sono gli italiani: Enel, Eni, Pirelli, Terna.

  • Dear UN Global Compact Participant,

    Welcome to the Decade of Action: As we enter into 2020, allow me to share with you some reflections about my fears, hopes and great expectations for an important year — at the threshold of a critically important new decade that UN Secretary-General António Guterres has named the “Decade of Action".

    I fear that we are running out of time: At the startline for the Decade of Action, the world is falling badly behind in the race to avert the climate crisis. 2019 was the hottest year on record, concluding the hottest decade on record. And the trend is set to continue. In November 2019, 11,000 climate scientists sounded the alarm, saying the Earth is “clearly and unequivocally” facing a climate emergency and warning that we are running out of time to reverse the trend. 

    We are all impacted by climate change. Heatwaves, wildfires, storms, droughts, floods and rising sea levels are threatening the livelihoods and safety of billions of people. For some, survival relies on global leadership and action NOW. In May 2019, the UN Secretary-General visited Tuvalu, a country that, together with other island countries in the Pacific Ocean, faces sea-level rise four times greater than the global average. And yet, despite hard scientific data and living proof, we all left disappointed from COP 25 in Madrid and its urgent call to Governments to transition away from dependence on fossil fuels. In fact, rather than falling, CO2 emissions continue to rise.

  • Dear UN Global Compact Participant,

    Welcome to the Decade of Action: As we enter into 2020, allow me to share with you some reflections about my fears, hopes and great expectations for an important year — at the threshold of a critically important new decade that UN Secretary-General António Guterres has named the “Decade of Action.

    I fear that we are running out of time: At the startline for the Decade of Action, the world is falling badly behind in the race to avert the climate crisis. 2019 was the hottest year on record, concluding the hottest decade on record. And the trend is set to continue. In November 2019, 11,000 climate scientists sounded the alarm, saying the Earth is “clearly and unequivocally” facing a climate emergency and warning that we are running out of time to reverse the trend. 

    We are all impacted by climate change. Heatwaves, wildfires, storms, droughts, floods and rising sea levels are threatening the livelihoods and safety of billions of people. For some, survival relies on global leadership and action NOW. In May 2019, the UN Secretary-General visited Tuvalu, a country that, together with other island countries in the Pacific Ocean, faces sea-level rise four times greater than the global average. And yet, despite hard scientific data and living proof, we all left disappointed from COP 25 in Madrid and its urgent call to Governments to transition away from dependence on fossil fuels. In fact, rather than falling, CO2 emissions continue to rise.

  • On April 30th 2019, the process for collecting applications for the SDG Pioneer Italy 2019 closes. The SDG Pioneer Italy is the local round of the SDG Pioneers campaign promoted by UN Global Compact to recognize the national Pioneer who distinguished himself for his commitment in his daily work in achieving the Sustainable Development Goals.

    The campaign this year and for the first time is targeting at the Young Professionals under the age of 36 working in an Italian company who participate in the UN Global Compact, enhancing their contribution towards sustainability and the promotion and advancement of SDGs in line with the UNGC10 Principles.

    From the beginning of May, the Global Compact Network Italy (GCNI) will start the evaluation process of the applications received which will lead to the recognition of the SDG Pioneer Italy. The first phase of the process will be managed by an Evaluation Committee internal to the GCNI which will select the Top 5 applications from all those received from the Italian companies participating in the United Nations Global Compact.

  • Sviluppata dall’UN Global Compact insieme a B Lab, la SDG Action Manager è una soluzione web-based destinata alle imprese impegnate nell’avanzamento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile,qualsiasi sia la localizzazione, dimensione ed il settore produttivo. Un nuovo strumento di assessment interno sulle performance aziendali connesse alla sostenibilità, che consente di fissare obiettivi di crescita nelle aree più strategiche in cui resta elevato il potenziale di sviluppo. Assessment interno, come autovalutazione dinamica, benchmarking e miglioramento.

  • Developed by the UN Global Compact together with B Lab, the SDG Action Manager is the new web-based solution for companies committed to advancing the Sustainable Development Goals, whatever the location, size and production sector. A new internal assessment tool on corporate performance related to sustainability, which allows to set growth targets in the most strategic areas where the development potential remains high. Internal assessment, such as dynamic self-assessment, benchmarking, and improvement.

     More specifically, according to a logic “learn at every step”, the platform makes it easier for the company to: - select SDGs relevant to its business; - assess the impact of the business model and supply chain in terms of progress in Agenda 2030; - identify areas of risk/improvement; - plangrowth objectives and monitor them. 

  • Il 30 aprile 2019 si chiude la fase di raccolta delle candidature per l’SDG Pioneer Italy 2019, il round locale della campagna SDG Pioneers promossa da UN Global Compact per riconoscere il Pioniere che, al livello nazionale, si è contraddistinto per l’impegno in azienda in termini di promozione e avanzamento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile - SDGs.

    Per la prima volta quest’anno, la campagna è rivolta agli Young Professional di età uguale o inferiore a 35 annicon l’obiettivo di valorizzare il loro contributo alla diffusione di un modello di sviluppo sostenibile.

    A partire dal mese di maggio, il Global Compact Network Italia (GCNI) avvierà il processo di valutazione delle candidature ricevute che porterà all’individuazione del Pioneer italiano.

    La prima fase del processo sarà gestita da un Comitato di valutazione interno al GCNI che selezionerà le candidature Top 5, tra tutte quelle ricevute dalle aziende italiane aderenti al Global Compact delle Nazioni Unite.

  • Il Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) ha lanciato la campagna “Global Goals in Action” che mira a valorizzare l’impegno concreto delle proprie aziende aderenti nell’implementazione dei Global Goals promossi dall’Agenda 2030 ONU.

    In particolare, la campagna si articola in Video-Series focalizzate sull’esperienza di 5 aziende multinazionali - Safaricom, Colgate-Palmolive, Iberdrola, Hilton, and Natura & Co- che hanno efficacemente allineato le loro strategie di business ai Dieci Principi del Global Compact ed intrapreso azioni concrete sugli SDGs. Il racconto mette in luce i vantaggi derivanti dall’adesione allo UN Global Compact in termini di opportunità di business, visibilità internazionale ed approfondimento tematico.

  • - Mr. Starace is the only member of the UN Global Compact Board to come from the global Power Utility sector, as well as the only member from Italy

    United Nations Secretary-General António Guterres has re-appointed Francesco Starace, Enel Group’s CEO and General Manager, to the Board of the United Nations Global Compact (UN Global Compact) for the next three years (2018-2021). Mr. Starace was appointed for his first three-year mandate in May 2015. Of the new Board’s 21 members, Mr. Starace is the only representative of the global Power Utility sector, as well as the only member from Italy.

    Today as a society we face several very urgent issues and challenges. I am very proud to belong to the Board of the UN Global Compact which, through its vision and reach, not only sets out a clear roadmap for the sustainable development of the planet, but also empowers companies and communities to help address these challenges. As a global community we possess the resources and the know-how to meet all 17 of the UN Sustainable Development Goals, but we have to work collaboratively and quickly to forge the way ahead. I am grateful to the UN Secretary-General for the opportunity to continue to serve in support of this important objective,” said Enel CEO Francesco Starace.

  • The United Nations Global Compact (UNGC) has launched the campaign “Global Goals in Action”, which aims to enhance the commitment of its member companies to implementing the Global Goals promoted by the 2030 UN Agenda.

    In particular, the campaign is divided into Video-Series focused on the experience of 5 multinational companies – Safaricom, Colgate-Palmolive, Iberdrola, Hilton, Natura & Co – that have effectively aligned their business strategies with the Ten Principles of the UN Global Compact and have taken concrete action on SDGs. The story highlights the benefits to be derived from joining the UN Global Compact in terms of business opportunities, international visibility and thematic insight.

  • Since 2015, launch year of the Global Agenda for Sustainable Development, the United Nations Global Compact (UNGC) has integrated the 17 Global Goals (SDGs) into its mission and vision. The Making Global Goals Local Business campaign of the Global Compact aims to promote SDGs on a global scale through in-depth activities, release of information and support carried out at the local level and addressed to UNGC member companies and organizations.

    In this context and with the aim of enhancing its commitment to sustainable development, each year the UNGC identifies and celebrates a group of SDGs Pioneers – individuals employed in the private sector who are distinguished by exceptional commitment and leadership shown to the advancement of the Global Goals.
    » DISCOVER THE SDG PIONEERS 2018

    This year, Global Compact has decided to do more, promoting the SDGs Pioneers Local Roundfor the first time, which will precede the SDGs Pioneers Global Round and will be managed in collaboration with the Global Compact Local Networks.

    The objective of the Local Round | Italy will be to recognize one Young Professional (35 and under) employed at any level in a company participating(directly or as Subsidiary) in the UN Global Compact and engaged daily in the advancement of the 2030 Global Goals.

    More specifically, candidates for the title of SDGs Pioneer | Italy must work in companies which:

    1. Have already defined their UN Global Compact Engagement Tier - Signatory or Participant
    2. Have submitted at least one COP – Communication on Progress to the UNGC
    3. Have joined the UN Global Compact before September 30, 2018 (Subsidiary companies will be accepted if their Parent Company complies with this requirement)

    SDG PIONEERS LOCAL ROUND | ITALY - TIMELINE

    » February 1, 2019: launch of the initiative
    » February 1 – April 15: collection of nominations
    » May 17, 2019: The celebration event of the SDGs Pioneer | Italywill be held in Milan and hosted by FEEM - Fondazione Eni Enrico Mattei.

    Each national SDGs Pioneer will directly access the Global Round(June–September).
    The SDGs Pioneers 2019 will be announced and celebrated during the UNGC’s Leaders’ Summit 2019 (New York, September 2019).

    Taking part in the SDGs Pioneers 2019 campaign is an opportunity to:

    » recognize the professionalism and the workdone in support of the 2030 Agenda by a Young Professional inside their company, showing outside how an under-35 resource can decisively contribute to steer business models towards sensitivity and rationale for environmental, social, as well as economic challenges;
    » increase the visibility of the company’s and its leaders’ commitment regarding sustainable development issues, understood as enabling condition for the Young Professional to operate as an “agent of change”. 
    » meet the international community active in the advancement of Global Goals and access – with a leading role – one of the most important flagship events promoted by UN Global Compact: the Leaders’ Summit 2019.

    NOMINATE YOURSELF AS “SDGs PIONEER | ITALY”  » NOMINATE SOMEONE YOU KNOW  » SDGs PIONEERS LOCAL ROUND - FAQ  »

     

    CONTACTS

    For further information on the initiative, please contact:
    Margherita Macellari - Project Manager, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
    Laura Capolongo - Admin, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

  • For the second year, the Global Compact Network Italy launches the "SDG Pioneer Local Round" campaign to identify a new SDG Pioneer Italy

    Using business as a positive force to support SDGs: in line with this vision, the competition aims to identify and celebrate a Business Professional active at any level within a Global Compact member company (directly, or as a Subsidiary) and daily engaged in the advancement of Agenda 2030.

  • La pandemia di COVID-19 ha reso ancora più urgente l’azione pubblica e privata per il Clima.

    In questa logica, il Global Compact delle Nazioni Unite ha di recente lanciato la campagna per la sottoscrizione dello Statement “Uniting Business and Governments to Recover Better” da parte deiCEO di aziende già impegnate su Business Ambition for 1.5°C e “Science-Based Targets”.

  • Dal 2015, anno di lancio dell’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile, il Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) ha integrato i 17 Global Goals (SDGs) all’interno della propria missione vision. La campagna Making Global Goals Local Businessdel Global Compact, ha come obiettivo quello di promuovere gli SDGssu scala globale attraverso attività di approfondimento, divulgazione e supporto realizzate al livello locale e rivolte alle aziende ed organizzazioni aderenti all’UNGC.

    In tale quadro e con l’obiettivo di valorizzare l’impegno per lo sviluppo sostenibile, ogni anno l’UNGC individua e celebra un gruppo di SDG Pioneers –ossia soggetti impiegati nel settore privatoche si contraddistinguono per un impegno ed una leadership eccezionali dimostrati a supporto dell’avanzamento dei Global Goals.
    » SCOPRI CHI SONO GLI SDG PIONEERS 2018?

    Quest’anno, il Global Compact ha deciso di fare di più, promuovendo per la prima volta gli SDG Pioneers Local Round che precederanno l’SDG Pioneers Global Round e saranno gestiti in collaborazione con i Network Locali del Global Compact.

    Obiettivo del Local Round | Italy sarà quello di riconoscere uno Young Professional (età fino a 35 anni) attivo a qualsiasi livello all’interno di un'azienda aderente(direttamente, o come Subsidiary) all’UN Global Compact e quotidianamente impegnato nell’avanzamento dei Global Goals 2030.

    Più in dettaglio, i candidati al titolo di SDG Pioneer | Italy devono lavorare in aziende che:

    1. hanno già selezionato il loro UN Global Compact Engagament Tier - Signatory o Participant
    2. hanno inviato almeno una COP – Communication on Progress all’UNGC
    3. hanno aderito all’UN Global Compact prima del 30 settembre 2018 (le Subsidiary verranno ammesse se la propria Parent Company adempie a tale requisito)

     

    SDG PIONEERS LOCAL ROUND | ITALY - TIMELINE

    » 1° febbraio 2019: lancio dell’iniziativa
    » 1° febbraio – 30 Aprile: raccolta delle candidature
    » giugno 2019: annuncio dell'SDG Pioneer | Italy

    L'SDG Pioneer nominato al livello nazionale accederà direttamente al Round globale (giugno–settembre).
    Gli SDG Pioneers 2019 verranno annunciati e celebrati in occasione dell’UNGC Leaders Summit 2019 (New York, settembre 2019).

    Prendere parte alla campagna SDG Pioneers 2019 è un’opportunità per:

    » premiarel'operato e la professionalità di uno/-a Young Professional interno/-a all'aziendaa supporto dell'Agenda 2030, mostrando all’esterno come una risorsa under 35 possa contribuire in modo incisivo ad orientare i modelli di business verso sensibilità e logiche attente alle sfide ambientali e sociali, oltre che economiche;
    » valorizzare il commitment dei vertici e dell'azienda nel suo complesso sui temi dello sviluppo sostenibile, come condizione abilitante affinché lo/-a Young Professionalpossa operare come "agente del cambiamento"
    » incontrare la community internazionale attiva per l'avanzamento dei Global Goalse accedere - con un ruolo da protagonista - ad uno degli flagship event più importanti promossi dall'UN Global Compact: il Leaders Summit 2019.

     

    CANDIDATI COME “SDG PIONEER | ITALY”  » NOMINA UNA PERSONA CHE CONOSCI  » SDG PIONEERS LOCAL ROUND - FAQ  »

     

    CONTATTI

    Per un approfondimento sull'iniziativa, si prega di inviare una email a:
    Margherita Macellari - Project Manager, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
    Laura Capolongo - Admin, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

  • Per il secondo anno, il Global Compact Network Italia lancia la campagna “SDG Pioneer Local Round” per individuare un nuovo SDG Pioneer Italy.

    Usare il business come forza positiva a supporto degli SDGs: coerentemente con tale visione, il concorso punta ad individuare e celebrare un/-a Business Professional attivo/-a a qualsiasi livello all’interno di un'azienda aderente al Global Compact (direttamente, o come Subsidiary) e quotidianamente impegnato/-a nell’avanzamento dell’Agenda 2030.

  • Global Compact Network Italia e B Lab Europe insieme per la promozione del business come forza positiva per creare una società più giusta, inclusiva e sostenibile.

    In uno scenario mondiale sempre più critico e difficile, GCNI e B Lab Europe firmano un Memorandum of Understanding al fine di unire le forze nella diffusione di nuovi paradigmi di business “rigenerativi”, ovvero che abbiano un impatto positivo non solo per gli shareholder ma anche per l’ambiente, la comunità, i dipendenti e tutti gli stakeholder.

    Già a gennaio 2020 infatti le due realtà hanno congiuntamente lanciato lo strumento di misurazione del progresso verso il raggiungimento dei diciassette Sustainable Development Goal 2030dedicato al mondo del business, denominato SDG Action Manager

  • The Ten Principles of the United Nations Global Compact to guide business leaders in responding to the crisis

     

    The Global Compact, the world's largest corporate sustainability initiative, calls on business leaders around the world to unite to support workers, communities and companies affected by the COVID-19 pandemic. A coordinated international plan, involving the private sector, will be critical to support the people and companies affected, limit further disruption to the economy and facilitate business continuity for a rapid recovery. The Ten Principles of the Global Compact can be a source of inspiration for companies to respond to the crisis and uncertainty of this time.
    The Ten Principles and the SDGs are also an important guide to think about "afterwards", to continue working together – now more than ever – to create a new economy and a new society, both more resilient, healthy, fair and capable of living in balance with nature.

  • - Francesco Starace è l’unico rappresentante proveniente dal settore Utility Elettriche e l’unico italiano ad entrare nel Consiglio del Global Compact delle Nazioni Unite

     Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha confermato Francesco Starace, Amministratore delegato e Direttore generale del Gruppo Enel, nel Consiglio di Amministrazione del Global Compact delle Nazioni Unite (UN Global Compact) per i prossimi tre anni (2018-2021). Starace, che era già stato nominato per il primo mandato di tre anni a maggio 2015, è l’unico rappresentante proveniente dal settore Utility Elettriche e l’unico italiano tra i 21 membri del nuovo Consiglio.

    “La società odierna si trova ad affrontare questioni e sfide molto urgenti. Sono molto orgoglioso di far parte del Consiglio di Amministrazione del Global Compact delle Nazioni Unite che, attraverso la sua visione e la sua attività, non solo disegna una chiara roadmap per lo sviluppo sostenibile del pianeta, ma abilita aziende e comunità a contribuire alla risoluzione di queste sfide. Come comunità globale abbiamo le risorse e il know-how per raggiungere tutti i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU, ma dobbiamo lavorare insieme e velocemente per delineare il percorso davanti a noi. Ringrazio il Segretario Generale delle Nazioni Unite per l’opportunità concessami di continuare a lavorare per la realizzazione di questo importante obiettivo”, ha dichiarato  Francesco Starace, Amministratore delegato di Enel.

  • L'eliminazione della corruzione richiede un'azione collettiva da parte di tutte le parti interessate.

    In questa logica, l’UNGC ha lanciato una “Anti-Corruption Call-to-Action” tramite la quale le aziende firmatarie potranno rivolgere un appello ai Governi al fine di incoraggiare politiche ed azioni a supporto della lotta alla corruzione.

  • “Recovery in a Sustainable Way”, questo il tema della sessione virtuale promossa il 16 giugno dal Global Compact Network Italia (GCNI) in collaborazione con il Network locale Switzerland and Liechtenstein. L’evento è stato organizzato nell’ambito dell’edizione 2020 del Leaders Summit del Global Compact, a cui hanno preso parte oltre 17.000 persone attive in tutto il mondo sui temi dello sviluppo sostenibile.

    Presupposto di questa riflessione congiunta sulle fasi di ripartenza e ricostruzione post pandemia, come ricordato in apertura da Marco Frey – Presidente GCNI, la convinzione che dall’emergenza sanitaria da pandemia di Covid-19 possa e debba scaturire una sensibile accelerazione della “Just Transition”, in corso già da diversi anni e che punta alla realizzazione di un mondo che sia pienamente coerente con gli obiettivi indicati dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibiledelle Nazioni Unite.

    L’incipitè prontamente raccolto dal prof. Enrico Giovannini – Portavoce di ASviS e membro della Taskforce governativa per la ripartenza, che rilancia: “Il Piano Colao per l’Italia si basa sui principi di trasformazione, sostenibilità ed equità, da declinarsi lungo tre direttrici: la digitalizzazione, la transizione ecologica, la lotta alle disuguaglianze - con un’attenzione speciale al tema gender”. “Tuttavia, - continua Giovannini – i nuovi sforzi per la realizzazione degli SDGs dovranno essere tali da riuscire a compensare gli effetti della crisi post-pandemica che ci colpirà sia sul piano economico che sociale. Occorre, quindi, partire ora. Governo ed imprese, insieme."

    Due le grandi aziende invitate a condividere il loro approccio alla ripartenza: Pirelli & C. e la filiale italiana della svizzera Nestlé.

    Dipendenti, catena di fornitura, comunità esterna sono le tre priorità che Pirelli, azienda leader dell’automotive, si è data durante l’emergenza e ora nella recovery. “Particolare attenzione è riservata alla salute e sicurezza, nonché alla formazione ed al re-skilling delle persone coinvolte nella catena del valore; alla riduzione dell’impatto ambientale, in piena coerenza con i Science Based Targets; ed, infine, al ruolo sociale che l’impresa in questa fase è chiamata a giocare per contrastare gli effetti destabilizzanti della pandemia.” afferma Filippo Bettini, Chief Sustainability e Risk Governance Officer –Pirelli & C.

    Manuela Kron, Head of Corporate & Consumer Communication – Nestlé Italiana, apre invece una finestra sul ruolo dei consumatori come sustainability driver per un’azienda di largo consumo: “Da parte dei nostri clienti” - afferma Kron – “resta invariata la domanda di un impegno continuativo ed efficace dell’impresa sul tema del packaging.” e prosegue: “La pandemia ha, temporaneamente, arrestato la sfida globale verso un mondo a plastica-zero. Ci siamo ritrovati ad essere dipendenti dalla plastica single-use per motivi igienico-sanitari, il che comporta un rinnovato ed oculato impegno da parte delle aziende in termini di gestione, smaltimento e riciclo dei rifiuti”. Kron, infine, ha affrontato il tema della forte interconnessione che caratterizza le varie componenti del sistema produttivo del Food e, quindi, della conseguente necessità in tempo di crisi di approcciare ad esso come fosse un unicum per consentire a tutti gli attori coinvolti di continuare a funzionare.

    In chiusura, l’ex-Ministro Giovannini rivolge un appello alla classe politica: “Spero che alla ripresa delle attività, il Governo inizi a disegnare le procedure del futuro Cipess – Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile, che dal 2021 sarà operativo e gestirà gli investimenti pubblici. L’approccio sostenibile, per il nostro Paese, deve tradursi anche in una gestione più agile delle opere pubbliche e il passaggio dal Cipe al Cipess è un’opportunità in questa direzione”.

     

  • Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha di recente nominato la kenyota Sanda Ojiambonuovo Direttore Esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite. Come seconda donna ad essere nominata nel ruolo, Ojiambo succederà il 17 giugno 2020 a Lise Kingo, alla quale il Segretario Generale è profondamente grato per la dedizione e leadership strategica dimostrate nella funzione di guida del Global Compact e di avanzamento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

    Ojiambo, dal 2010 ha ricoperto il ruolo di Sustainable Business and Social Impact Manager per Safaricom Plc, Kenya. È stata anche dal 2008 al 2010 Senior Manager di Safaricom e delle MPESA Foundation, Kenya, periodo durante il quale ha guidato l'implementazione di diverse iniziative di partenariato pubblico-privato tra Safaricom e le organizzazioni delle Nazioni Unite. Nel corso della sua carriera, ha coltivato e gestito relazioni con aziende leader ed organizzazioni della società civile. In questo impegno, è incluso il suo lavoro di capacity building in Somalia insieme a UNDP e CARE International. Ojiambo ha conseguito un Master of Arts in Public Policy presso la University of Minnesota, USA, e un Bachelor of Arts in Economics and International Development presso la McGill University, Canada.

  • A partire da gennaio 2018 il Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC) ha lanciato un nuovo modello di governance che prende il nome di “One Global Compact”. Obiettivo dell'UNGC è rafforzare il proprio impegno nell’affiancare le aziende in tutto il mondo nell’integrare i Dieci Principi all’interno delle proprie strategie e operazioni e nel realizzare i 17 Obiettivi previsti dall’Agenda 2030.

    In un contesto geopolitico internazionale incerto e in un mondo dove persistono povertà estrema e disuguaglianze e il cambiamento climatico rappresenta un’emergenza sempre più urgente, il Global Compact rappresenta uno dei veri e propri fari per un mondo più sostenibile e sicuro. I Dieci Principi non sono mai stati più importanti, fornendo un quadro etico e di business per aiutare il settore privato a generare valore, rafforzando i principi e diritti fondamentali.

  • La Sustainable Ocean Business Action Platform del Global Compact delle Nazioni Unite riunisce rappresentanti di Governi, mondo accademico e imprese per determinare come le industrie oceaniche possano avanzare verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). Il lavoro della piattaforma si basa sui Dieci Principi del Global Compact delle Nazioni Unite, che delineano le responsabilità delle imprese nei settori dei diritti umani, del lavoro, dell'ambiente e della lotta alla corruzione.

    L'oceano è vitale per il benessere e la prosperità dell'umanità. Per realizzare le ambizioni globali delineate dagli SDG, ci troviamo di fronte alla necessità di espandere il nostro uso dell'oceano. La produzione di cibo, materie prime, energia ed i servizi di trasporto dovranno però rispettare criteri di sostenibilità, per contribuire alla riduzione del riscaldamento globale e degrado ambientale. Oggi, minacce come la sovrapesca (overfishing), i rifiuti marini e l'acidificazione hanno reso molto fragile la salute degli oceani.

  • L’evento è stato organizzato dal Global Compact delle Nazioni Unite in collaborazione con il Global Compact Network Argentina e ha riunito leader locali e globali in rappresentanza di aziende, società civile, Governi, Network Locali del Global Compact, Nazioni Unite con l’obiettivo di catalizzare l’azione e l’impatto sui 10 Principi e i Sustainable Development Goals (SDGs).

    In vista del successivo meeting globale - che si terrà nella seconda parte dell’anno e sarà dedicato ad un confronto sui progressi registrati al livello nazionale nell’implementazione degli SDGs - Making Global Goals Local Business – Argentina ha rappresentato un'opportunità per le imprese di tutto il mondo di prender parte attivamente alla condivisione dello stato dell’arte registrato in tutta l'America Latina con riguardo al perseguimento dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. L’Argentina, in particolare, è un buon esempio di collaborazione multistakeholder a supporto dei Global Goals, dal quale tutti i presenti hanno potuto prendere spunti ed ispirazione.

  • The event was organized by the United Nations Global Compact in collaboration with the Global Compact Network Argentina and brought together local and global leaders representing firms, civil society, governments, and the UN Global Compact local networks, with the aim of catalysing the action and impact on the 10 Principles and the Sustainable Development Goals (SDGs).

    In view of the next global meeting - which will be held during the second half of the year and will be dedicated to a discussion on the progress made at national level on the implementation of the SDGs - Making Global Goals Local Business – Argentinarepresented an opportunity for firms all over the world to take an active part in sharing the current status recorded throughout Latin America with regard to the pursuit of the 2030 Agenda for Sustainable Development. Argentina, in particular, is a good example of multi-stakeholder collaboration in support of the Global Goals, from which all those present were able to take insights and inspiration.

  • Il 4 e 5 giugno si è tenuto a Berlino il primo incontro dello European Peer Learning Group sul tema Corporate Climate Strategies. L’iniziativa è stata organizzata dai Network Locali del Global Compact tedesco, francese, spagnolo, italiano, svizzero e danese. L’obiettivo è di promuovere il dialogo tra aziende provenienti da diversi contesti nazionali e favorire il confronto tra le proprie esperienze sull’importanza di adottare una strategia aziendale sul clima e di porsi obiettivi climatici ambiziosi, che siano in linea con il target definito dall’Accordo di Parigi sul Clima di limitare l’aumento del riscaldamento globale a 1.5° C.

    Al meeting hanno partecipato 20 aziende tra cui 4 italiane: A2A, Artsana, Ferrovie dello Stato, Snam, già impegnate su una propria strategia sul clima. Durante l'incontro è stata discussa l'importanza di un allineamento del settore business agli Science-Based Targets.

    Le aziende partecipanti hanno avuto modo di lavorare in modo interattivo con scambi di esperienze aziendali e lavori di gruppo. Dapprima sono stati individuati i driver fondamentali che spingono le aziende a elaborare una strategia sul clima: il commitment del top management, la credibilità del brand e la reputazione aziendale, le aspettative e la trasparenza verso gli stakeholder, l’accrescimento della competitività dell’azienda e delle opportunità di mercato.

  • On 22 of May 2020, United Nations Secretary-General António Guterres announced the appointment of Sanda Ojiambo of Kenya as Executive Director of the United Nations Global Compact. As the second woman to be appointed in the role, she will succeed Lise Kingo of Denmark to whom the Secretary‑General is deeply grateful for her dedication and strategic leadership in steering the work of the Global Compact and broadening its contribution to the realization of the Sustainable Development Goals.

    Ms. Ojiambo, who assumes the role on 17 June 2020, will bring 20 years of experience to lead the UN Global Compact in its next phase to mobilize a global movement of sustainable companies and stakeholders and bring the full weight of the private sector to achieve the Sustainable Development Goals (SDGs). She has served as Head of Sustainable Business and Social Impact, Safaricom Plc, Kenya since 2010. Ms. Ojiambo was also the Senior Manager of Safaricom and MPESA Foundations, Kenya from 2008 to 2010, during which she led the implementation of several public-private partnership initiatives between Safaricom and UN organizations. Throughout her career, she has cultivated and managed relationships with key business entities and civil society organizations, including her capacity development work in Somalia with UNDP and CARE International. Ms. Ojiambo holds a Master of Arts in Public Policy from the University of Minnesota, USA, and a Bachelor of Arts in Economics and International Development from McGill University, Canada.

  • La domanda di istruzione sul tema Business & Human Rights sta crescendo in tutto il mondo. Le Università e gli enti accademici giocano un ruolo chiave nella formazione di una futura classe di leader del settore imprenditoriale capace di gestire gli impatti delle proprie aziende sui Diritti Umani al livello locale ed internazionale.

    Per tale motivo, il Global Compact delle Nazioni Unite, in collaborazione con Principles for Responsible Management Education (PRME), ha invitato le imprese a sottoscrivere una lettera aperta rivolta alle istituzioni accademiche affinchè queste integrino il tema Business & Human Rights all’interno dei loro piani didattici.

    Per visualizzare la lettera e l’elenco delle aziende che hanno già risposto all’appello, clicca qui

  • In January 2018 the United Nations Global Compact (UNGC) launched a new governance model called "One Global Compact". The UNGC’s aim is to strengthen its commitment to supporting companies all over the world in their integration of the Ten Principles into their strategies and operations and in their implementation of the 17 Goals envisaged by the 2030 Agenda.

    In an uncertain international geopolitical context and in a world where extreme poverty and inequality persist and climate change has become an increasingly urgent emergency, the Global Compact is one of the real guiding lights for a more sustainable and secure world. The Ten Principles have never been more important, providing an ethical and corporate framework to help the private sector generate value, strengthening fundamental rights and principles.

  • The world leaders in sustainability will be meeting again in New York on 21st September at the initiative of the United Nations Global Compact.

    At the UNGC Leaders Summit 2017, particular attention will be paid to the theme of public privatepartnerships for achieving the 2030 Global Goals. A consideration shared at the highest level on the ways to ensure a wider, more meaningful and effective engagement of businesses, institutions and stakeholder organizations in global action for sustainable development will be promoted and developed within the Summit.

  • The new UN Global Compact’s CFO Taskforce gets underway with a two-year programme designed to put corporate finance at the centre of the Sustainable Finance agenda to advance the Sustainable Development Goals (SDGs). The Taskforce was launched, in Milan, with an event hosted by Borsa Italiana last December 17th.

    There are four italian companies among the founding members of the Taskforce: Enel, Eni, Pirelli, Terna.

  • The United Nations Global Compact's Sustainable Ocean Business Action Platform brings together representatives from governments, academia and business to determine how ocean industries can advance towards the Sustainable Development Goals (SDGs). The Platform's work is based on the Ten Principles of the United Nations Global Compact, which outline the responsibilities of business in the areas of human rights, labour, the environment and anti-corruption.

    The ocean is vital for the well-being and prosperity of humanity. To realize the global ambitions outlined by the SDGs, we face the need to expand our use of the ocean.

    However, the production of food, raw materials, energy and transport services will need to be sustainable in order to contribute to the reduction of global warming and environmental degradation. Today, threats such as overfishing, marine litter and acidification have made ocean health very fragile.

  • Eliminating corruption requires collective action by all stakeholders. By signing this Call to Action, you are not only encouraging governments to take action on corruption, you are also inspiring other companies to follow your lead.

  • * Update aprile 2020: A causa della pandemia di COVID-19, il Leader Summit 2020 si terrà in modalità on-line, mentre le celebrazioni dal vivo sono state rinviate al 2021. Per maggiori informazioni, scrivere a: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

    Il 15 e 16 giugno di terrà a New York, presso la sede Nazioni Unite ed il Jacob Javits Center, il Leaders Summit 2020 promosso dall’UN Global Compact. Nell’occasione, verrà anche celebrato il ventennale del Global Compact. La cerimonia si terrà nella iconica UNGeneral Assembly Hall.Era il 31 gennaio 1999, quando l’ex Segretario Generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, lanciò il Global Compact nell’ambito del Word Economic Foruma Davos, invitando tutti gli attori dello sviluppo sostenibile ad unirsi al neonato movimento.

  • * April 2020 update: due to the COVID-19 pandemic, the Leader Summit 2020 will be held online, while live celebrations have been postponed to 2021. For more information, email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..

    On 15 and 16 June, the Leaders Summit 2020 promoted by the UN Global Compact will be held in New York at the United Nations headquarters and the Jacob Javits Center. On the occasion, the 20th anniversary of the Global Compact will also be celebrated.

    The ceremony will be held in the iconic UN General Assembly Hall.

    It was on January 31, 1999, when former UN Secretary General Kofi Annan launched the Global Compact at the World Economic Forum in Davos, inviting all actors of sustainable development to join the newborn movement.

This site uses cookies. By continuing to browse the site you are agreeing to our use of cookies.