Alle imprese è richiesto di promuovere e rispettare i diritti umani universalmente riconosciuti nell'ambito delle rispettive sfere di influenza.

Ad essere responsabili dei diritti umani non sono solo i Governi o gli Stati. Le questioni relative ai diritti umani sono importanti sia per i singoli individui che per le organizzazioni di cui essi fanno parte.

Per rispettare l'impegno assunto aderendo al Global Compact, le imprese dovrebbero sostenere e rispettare i diritti umani sia sul luogo di lavoro che in tutti gli ambiti delle loro rispettive sfere d'influenza.

Non è solo il diffuso imperativo morale ad adottare condotte socialmente responsabili a dover spingere le imprese verso questa direzione, ma piuttosto la consapevolezza che la salvaguardia dei diritti umani migliori le prestazioni dell'impresa stessa.

Tra i motivi per cui le imprese dovrebbero impegnarsi nella salvaguardia dei diritti umani ci sono anche:

  • Promuovere il ruolo della legge: le imprese dovrebbero assicurarsi quanto meno che le loro operazioni siano in linea con le leggi dei paesi in cui operano. Le imprese che operano al di fuori del loro paese d'origine, potrebbero avere l'opportunità di promuovere e aumentare gli standard in paesi dove l'impegno per il rispetto dei diritti umani è insufficiente. Le imprese che rispettano i diritti umani sono più stabili e contribuiscono a creare un ambiente favorevole agli affari.
  • Considerare gli interessi dei consumatori: l'avere accesso ad un'informazione globale consente ai consumatori di essere sempre più consapevoli sull'origine dei prodotti e sulle loro modalità di produzione. Un approccio favorevole ai diritti umani può contenere e prevenire l'impatto di una cattiva pubblicità proveniente dalle organizzazioni dei consumatori e da tutte quelle organizzazioni e associazioni impegnate nella salvaguardia dei diritti umani.
  • Gestire la catena di produzione: il fatto che l'approvvigionamento e la manifattura dei beni assuma ormai dimensioni mondiali, comporta che un'impresa debba essere assolutamente consapevole delle questioni relative ai diritti umani, e che sia necessario vigilare lungo tutto il percorso della catena di produzione. Promuovere le migliori prassi in materia di diritti umani darà la possibilità alle imprese di poter scegliere partner adeguati.
  • Aumentare la produttività e l'affidabilità dei lavoratori: lavoratori trattati dignitosamente e retribuiti equamente, non solo sono più produttivi ma anche più leali nei confronti del datore di lavoro. Inoltre chi è in cerca di lavoro tende ad essere sempre più informato sull'ambiente sociale ed economico dell'impresa alla quale sottopone la sua candidatura.
  • Costruire una buona rete di relazioni nelle comunità in cui operano: le imprese che operano su scala mondiale sono sempre più visibili e soggette ai giudizi dell'opinione pubblica mondiale come conseguenza dei progressi raggiunti dalle tecnologie dell'informazione.

Rispettare i diritti umani può dunque avere risvolti positivi per l'impresa, sia a livello delle comunità locali nelle quali essa opera, sia sulla sua reputazione a livello mondiale. Un buon punto di partenza per sostenere concretamente il rispetto dei diritti umani nell'ambito della propria sfera d'influenza potrebbe essere quello di affrontare e di diffondere all'interno della propria impresa tematiche relative alla salvaguardia dei diritti umani facendo ad esempio riferimento alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Si riportano di seguito alcune idee per implementare il rispetto dei diritti umani nella politica dell'impresa:

  • sviluppare politiche aziendali e strategie in supporto dei diritti umani;
  • sviluppare un sistema di gestione che rispetti le regole della sicurezza e della salute dei dipendenti;
  • organizzare corsi di formazione per lo staff in cui si affrontino tematiche relative ai diritti umani e chiarire come queste siano correlate alla dinamica aziendale;
  • effettuare una valutazione sistematica dei metodi scelti per garantire il rispetto dei diritti umani e prevedere dei meccanismi di monitoraggio costante;
  • discutere sulle problematiche relative alla salvaguardia dei diritti umani direttamente con i soggetti interessati;
  • migliorare le condizioni di lavoro attraverso il dialogo e le consultazioni con i lavoratori e i loro rappresentanti.

Alcuni esempi per mostrare come un'impresa possa garantire la salvaguardia dei diritti umani nelle sue operazioni quotidiane.

Sul posto di lavoro:

  • garantire condizioni di lavoro sane e sicure;
  • garantire libertà di associazione;
  • garantire la non discriminazione nella gestione del personale;
  • garantire che non si stia facendo uso direttamente (nella propria azienda) o indirettamente (attraverso la catena di alimentazione) di lavoro forzato o minorile;
  • provvedere all'assistenza medica di base, all'istruzione e all'alloggio dei propri dipendenti e delle loro famiglie, qualora questo non sia stato previsto altrove.

Nella comunità in cui opera:

  • prevenire il dislocamento forzato di individui, gruppi o comunità;
  • proteggere la sopravvivenza economica delle comunità locali in cui si opera;
  • contribuire al dibattito pubblico. Le imprese interagiscono, a tutti i livelli, con i governi dei paesi nei quali operano. Le imprese hanno quindi il diritto e ancor di più la responsabilità di intervenire, esprimendo il loro punto di vista in questioni che potrebbero influenzare le loro operazioni aziendali, i dipendenti, i clienti e le comunità locali delle quali l'impresa fa parte.

In ultimo se un'impresa dovesse necessitare di sistemi di sicurezza per proteggere le proprie operazioni aziendali, bisogna garantire il rispetto delle linee guida e degli standard internazionali sull'uso della forza (sistemi di sicurezza).

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.